igiene orale nei bambini: dalla primissima infanzia all’adolescienza

CONSIGLI UTILI SU COME AFFRONTARE L’IGIENE ORALE NEI BAMBINI. DA QUANDO E COME SI DEVONO LAVARE I DENTINI E COME AFFRONTARE IL CAMBIAMENTO FISIOLOGICO DI ESSI CON LA CRESCITA DEI NOSTRI BIMBI

Molto spesso con un bimbo piccolo ci chiediamo quale sia l’età giusta per cominciare a lavare i dentini. La verità è che i bambini vivono di ritualità, che generalmente li calma e li tranquillizza. Far rientrare in questi riti anche l’occuparsi dei propri dentini e della loro igiene è fondamentale.

Possiamo infatti dire – sostiene l’ igenista dentale Giulia Maiella di Polimedica Brianza – che la salute orale è fondamentale per il benessere generale di ogni individuo, sin dalla primissima infanzia.

0-2 anni

E’ importante prendersi cura del cavo orale dei bambini ancor prima che l’eruzione dei dentini da latte abbia inizio, pulendo delicatamente le gengive con una garzina inumidita dopo ogni pasto.

I denti da latte iniziano a comparire tra i 3 e i 12 mesi di vita e raggiungono tutti la loro posizione intorno ai 3 anni. I bambini sono diversi tra loro, non dobbiamo quindi preoccuparci se qualche dentino spunta troppo presto oppure in ritardo!

Al termine della completa dentizione da latte ci saranno in totale 20 denti, che sono molto

importanti perché fanno da “spaziatori” per i denti permanenti e permettono loro di crescere sani e forti.

Da quando compare il primo dentino bisognerebbe lavarlo sia alla mattina che alla sera con uno spazzolino specifico per bambini di età inferiore ai 2 anni, con un delicato movimento circolare. Lo spazzolino deve avere una testina molto piccola, con setole morbide e dalla punta arrotondata, e un manico lungo e arrotondato per permettere ai genitori di maneggiarlo facilmente.

3-5 anni

Una volta cresciuti tutti i denti da latte, è importante spazzolarli almeno due volte al giorno (mattina e sera) per 2 minuti. Questa abitudine, già in età precoce, aiuta a prevenire la comparsa delle carie sui denti da latte e aiuterà ad avere denti permanenti più sani.

A questa età è bene che i bambini inizino a lavarsi da soli i denti, lasciando poi fare ai genitori il controllo e completare lo spazzolamento. Anche se la tecnica di spazzolamento non sarà perfetta, i bambini inizieranno a familiarizzare con uno strumento che dovrà accompagnarli per tutta la vita ed è bene che inizino a prenderci fin da subito confidenza. Uno spazzolino colorato e un dentifricio leggermente aromatizzato possono aiutare i bambini a lavarsi i denti più volentieri. E’ importante che lo spazzolino abbia la testina piccola, con setole morbide e dalle punte arrotondate, e che il dentifricio contenga fluoro. La quantità di dentifricio da far utilizzare in questa fascia d’età dev’essere pari a una lenticchia, e i genitori devono controllare che i bambini sputino il dentifricio dopo aver spazzolato i dentini e che non lo ingeriscano. In questa fascia d’età va bene che i bambini spazzolino facendo dei movimenti circolari sui dentini, sarà poi il genitore a

rimuovere la placca residua con movimenti più accurati.

6 + anni

Intorno ai 6 anni i bambini iniziano ad avere quella che viene definita dentatura mista: alcuni dentini da latte, alcuni permanenti e alcuni spazi vuoti. La perdita dei denti da latte rappresenta un passo importante per la crescita dei bambini e un momento altresì importante per l’igiene orale: iniziando a crescere i denti pemanenti, le tecniche di spazzolamento devono diventare sempre più efficaci per non avere problemi su quei denti che dovranno durare tutta la vita. 

Dai 6 anni in poi la manualità dei bambini inizia ad affinarsi, per questo è bene insegnar loro a spazzolare i denti con una tecnica corretta, dalle gengive verso i denti: dall’alto verso il basso per l’arcata superiore, viceversa per l’arcata inferiore.

In questa fase i bambini potranno usare uno spazzolino manuale adatto alla loro età, con testina piccola e setole morbide.

A partire dagli 8 anni circa si può iniziare a consigliare l’utilizzo dello spazzolino elettrico per bambini, che può facilitare di molto la manovra di spazzolamento. Prima degli 8 anni, salvo casi particolari, è meglio che il bambino utilizzi uno spazzolino manuale che gli permetta di apprendere la corretta tecnica di spazzolamento e affinare la sua manualità.

Andare regolarmente dal dentista è una delle abitudini più importanti per la cura dei denti. Per i bambini, in particolare, è bene che questa abitudine venga acquisita presto, cosicché possano familiarizzare con l’ambiente odontoiatrico in maniera graduale, senza esserne spaventati.

La prima visita odontoiatrica è consigliabile farla all’ età di 3-4 anni, dopodiché, salvo problematiche particolari, saranno sufficienti visite di controllo con scadenza semestrale.

Consigli per i genitori:

  • Far lavare i denti ai bambini con uno spazzolino adatto alla fascia d’età almeno due volte al giorno, ancor meglio dopo tutti i pasti;
  • Far utilizzare ai bambini un dentifricio contenente fluoro, controllando che sputino dopo aver spazzolato i denti. Fino all’età di 10 anni la quantità di dentifricio da far utilizzare deve essere pari a una lenticchia;
  • Cambiare lo spazzolino dei bambini ogni 2-3 mesi, o comunque quando le setole non sono più dritte, e dopo i periodi di malattia per ridurre il trasferimento di batteri;
  • Anche se non vi sono problemi evidenti, portare i bambini dal dentista o dall’ igienista dentale per un controllo periodico ogni sei mesi.

Ringraziamo Polimedica Brianza, ed in particolar modo l’igienista dentale Giulia Maiella, per i preziosi consigli e ricordiamo che la prima visita di controllo è gratuita.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Contatta Struttura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.